Amsterdam: Museumkaart o IAmsterdam Card?

Una bicicletta ad Amsterdam. Ci si muove ad Amsterdam con I AMsterdam card o Museumkaart?

Amsterdam: Museumkaart o IAmsterdam Card?

Le Visit Card di Amsterdam

Oggi vorremmo parlarvi di una ricerca che abbiamo effettuato su Amsterdam partendo dalla richiesta di un cliente. Vi vogliamo offrire queste informazioni perché Amsterdam è una meta popolare e perché, cercando in rete, le informazioni su questo argomento non sono sempre chiarissime.

Cosa ci ha chiesto il cliente? Uno strumento per ottimizzare i tempi, per visitare il più possibile riducendo il tempo delle file per l’acquisto di biglietti e gli spostamenti.

Ciò che Amsterdam offre alla curiosità del visitatore è notevole, in quantità e qualità e davvero ce n’è per tutti i gusti e tutti gli interessi: dalle crociere sui canali, ai ristoranti e pub, all’Heineken Experience, al Museo dei Diamanti, il Museo della Pipa, passando dalla Casa di Anne Frank, a quella di Van Gogh, fino alle immense pinacoteche del Van Gogh Museum, del Museo di Arte Contemporanea e del favoloso Rijksmuseum, solo per citare i luoghi più noti.

Una prima ricerca ha evidenziato la “I AMsterdam Card”: studiata apposta per il turista, questa card include:

  • I mezzi di trasporto in città
  • L’ingresso con corsia preferenziale a numerosi musei
  • Offre sconti per l’ingresso alle attrazioni non incluse, nonché in una selezione di ristoranti e bistrot (viene data una guida di riferimento)
  • Può essere acquistata a diversi prezzi per 24, 48, 72 o 96 ore che vengono conteggiate dal primo utilizzo include anche una crociera sui canali
  • Si può acquistare via internet e farsela spedire a casa (sì, anche in Italia) con un sovraprezzo oppure stampare un voucher e ritirarla ad un punto informazioni in aeroporto o in centro città (in stazione ad esempio per chi arrivasse in treno).

Sembra la soluzione ideale. In realtà c’è qualche limite.

Questa amsterdam card:

  • non permette di utilizzare i mezzi pubblici dell’aeroporto al centro città (bisogna pagare un biglietto aggiuntivo)
  • per il Rijksmuseum che è “IL” museo di Amsterdam, tappa obbligatoria per chiunque, viene offerto uno sconto di Eur 2.5 sul biglietto d’ingresso con però relativa fila da farsi alla cassa che può prendere diverso tempo
  • la card non ha sconti per bambini e ragazzi (es. quella da 72 ore costa Eur 77 per tutti)

Per utilizzare questa card conviene a questo punto prenotare biglietto e fascia oraria d’ingresso per il Rijksmuseum via internet, dove comunque si ha uno sconto, sempre che si possa decidere prima di partire questo punto fisso, e acquistare i biglietti del treno dall’aeroporto al centro città separatamente.

Insomma, in questo modo si superano i €100 ma si è ben attrezzati.

Ma questa visitor card non è l’unica offerta.

Scavando più a fondo nel web troviamo un sito che propone la “MUSEUMKAART”, ma il fatto che il sito sia SOLO IN LINGUA OLANDESE rende la visibilità al turista di questo strumento praticamente nulla.

Cercando di orientarci nel sito sfruttando la somiglianza di alcune parole con il tedesco, capiamo che:

  • Permette l’ingresso in tutti i musei di Amsterdam e di Olanda con corsia preferenziale.
  • Costa circa Eur 60 per gli adulti e circa Eur 33 per i ragazzi fino a 18 anni.
  • vale un anno ed è personale con tanto di fotografia digitale
  • può essere spedita a casa solo all’interno dell’Olanda
  • riguarda solo i musei e non i trasporti.

Per chi volesse visitare principalmente l’offerta museale della città, questa card sarebbe l’ideale. Ma il fatto che il sito sia solo in olandese ci fa sorgere qualche domanda, nonché qualche dubbio sul fatto di avere capito tutto correttamente!

Domande che sottoponiamo al telefono all’ufficio informazioni di un museo (la scelta casuale è caduta sul Museo dei Diamanti ma forse Freud avrebbe qualcosa da ridire sul fatto che sia proprio una casualità!).

Il sito è solo in olandese perché questa card è destinata ai residenti in Olanda! Tuttavia i turisti possono acquistarla in uno qualsiasi dei musei di Amsterdam e dal primo utilizzo avrà validità 1 mese e non 1 anno.

Ringraziamo la cortesia della collega e non resta che provare ad abbinare la card ad un abbonamento ai trasporti. La società GVB che gestisce i trasporti pubblici, offre abbonamenti a tempo fino a 3 giorni dal costo di Eur 26 e che includono i trasporti aeroportuali. Può essere acquistata in aeroporto e la sua validità inizia al primo utilizzo.

Quindi, con circa  €100 anche questa soluzione si presta benissimo per vivere Amsterdam senza pensieri.

Quindi se pensate di visitare il più possibile gli splendidi musei di Amsterdam sia perché siete affascinati dalla storia e dalla pittura di Van Gogh, sia perché anche altre tematiche vi attirano, sia perché magari la vostra visita cade in inverno, la seconda soluzione è la più conveniente. Se invece vi attirano anche altre esperienze in città, volete stare al consiglio dei ristoranti e negozi per lo shopping convenzionati, essere maggiormente guidati, la prima soluzione è quella che fa per voi.

Pensate poi al mezzo con cui arriverete ad Amsterdam, se aereo, auto o treno.

Ci auguriamo che questo confronto vi possa essere utile.

In questa nostra ricerca siamo partite dal web, uno strumento che può essere una preziosa fonte di informazioni. Ma nel nostro modo di lavorare la verifica delle informazioni è parte essenziale del servizio: quando sorgono domande, quando sorge soprattutto il dubbio che il web non sia dovutamente aggiornato, beh, il buon vecchio metodo di una telefonata con la collega, non importa se dall’altra parte del pianeta, è sempre la soluzione che funziona sempre!

Lascia un commento

Allowed Tags <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>