Quando Andare in Cuba, Giappone e Altri Paesi

Aero in volo, copertina dove andare

Quando Andare in Cuba, Giappone e Altri Paesi

Cuba, Giappone e altri. Quando andare?

Avete la passione per il viaggio e sicuramente avete già delle mete, posti che avete a cuore, sogni nel cassetto. Ma vogliamo visitarli al loro massimo splendore. Abbiamo dei consigli sui periodi migliori in cui visitare quattro delle mete più ambite.

1. Quando andare in Cuba

Un sigaro cubano

Cuba, Cuba. Un sogno di tanti. Un paradiso marino, balli in spiaggia, cuba libre e sigari.
Ma come goderla al massimo?

Il mare a Cuba con palme
Per prima cosa consideriamo che, anche se il mare è caldo tutto l’anno, Cuba ha un periodo delle piogge – anche violente – che va da Maggio ad Ottobre.
Sono frequenti anche gli uragani e l’aria si fa afosa.

Il periodo invernale, invece, rimane piacevolmente caldo. Le statistiche dei viaggiatori, per quanto riguarda quando andare in Cuba, riportano come miglior mese Gennaio.

In questo mese si può partecipare a due eventi che trasformano l’atmosfera di Cuba: “Dìa de la Liberaciòn”, l’anniversario del trionfo di Fidel Castro, e “Incendio de Bayamo.”
Quest’ultimo è particolarmente spettacolare e si tiene a Bayamo. I cittadini ricordano a modo loro l’incendio che distrusse la città nel 1869 con uno spettacolo immenso di fuochi d’artificio.

2. Quando andare a Madagascar

“Mi piace se ti muovi,

Mi piace se ti muovi,

Mi piace quel che muovi,

E allora, MUOVI!”

Un tramonto rossao a Cuba

Madagascar! Una isola che è un sogno per gli esploratori.

Al suo interno si trova il Parco Nazionale di “Tsingy de Bemaraha”, un’area talmente inesplorata che quelle poche volte che viene mandata una squadra di esploratori, vengono scoperte più o meno 5 specie diverse.
Questo perché è una sorte di staccionata appuntita creata dalle rocce che ha sempre reso l’area quasi inaccessibile alla presenza umana, preservandone la purezza biologica.

I biologi la chiamano la “biofortezza”.
montagne appuntite di tsingy, Madagascar
Photo credit: Mika Andrianoelison via VisualHunt.com / CC BY-NC-SA

Andiamo al dunque. Vorresti andare e non sei sicuro di quando?
Diciamo che il periodo da evitare sarebbe da Gennaio a Marzo se non sei amante della pioggia. Febbraio è particolarmente pieno di cicloni.
Ma in questi mesi troverai anche gli hotel a prezzi più economici.

La stagione asciutta inizia verso Marzo e il Madagascar diventa una realtà molto verde. Questo è anche il periodo preferito dai surfer.

Il periodo estivo, invece, è preferito da chi vuole vedere i lemuri e le altre meraviglie della fauna endemica di questo
luogo.
Un lemuro di Madagascar
Da Novembre a Dicembre salgono le temperature.

Per quanto riguarda gli eventi, nella capitale Antananarivo ad Ottobre si tiene il festival “Madajazzcar”, che dal 1988 vede riuniti musicisti jazz da tutto il mondo.

A Maggio si può partecipare alla Festa Dell’Arte “Zegny’Zo”, un mix tra una festa e un carnevale che dura una settimana. C’è di tutto: da un Teatro dei Burattini, a balli tradizionali, arti di strada, spettacoli circensi ed altro, e si tiene nelle strade della città di Diego Suarez.

3. Quando andare in Islanda

Abbiamo già scritto qualcosa riguardo alle meraviglie di questo paese, ma quand’è il miglior periodo per andare in Islanda?

In estate c’è una possibilità di giornate belle, durante le quali le temperatura possono arrivare fino ai 17°. Ma queste sono spesso interrotte da periodi piovigginosi e nebbiosi. Durante questi periodi le temperature possono anche scendere ai 10°.
Essendo al sud del Circolo Polare Artico, l’Islanda non arriva al punto di un vero e proprio Sole di Mezzanotte, però da Maggio ad Agosto le notti si fanno chiare e a Giugno il sole non tramonta mai del tutto.

Tramonto rosso vicino ad un lago ghiacciato in Islanda

Eventi importanti possono essere il “Festival dell’Arte di Reykjavik”, che si tiene nelle ultime due settimane di Maggio. Celebra arte, letteratura, musica e danza e ha una particolare focalizzazione sull’innovazione.

La prima fu nel 1970 e durante gli anni hanno partecipato vari artisti famosi, tra i quali i Andy Warhol, David Bowie, i Led Zeppelin, Bjork, i Sigur Ròs, Bob Dylan, ed altri.

Per chi vuole andare nel periodo estivo, un evento interessante (per chi ne ha lo stomaco) potrebbe essere “Thorrablot”, la “Festa di Thorri”.
Thorri è, secondo antichi manoscritti islandesi, la personificazione dell’inverno.
Lo si celebra mangiando piatti tradizionali.
Non stiamo ad elencare qui quali sono…leggete, se non avete già mangiato!
La capacità di mangiare la maggior parte di questi piatti, secondo la cultura moderna islandese, è simbolo di forza.

Per gli appassionati dell’Aurora Borealis, queste “Luci Del Nord” si possono vedere spesso per tutto il paese.

Un’altra cosa da tenere a mente, per chi non è solo interessato ai paesaggi unici, è che in Islanda la maggior parte dei Musei rimangono aperti solo nel periodo estivo.

4. Quando andare in Giappone

Per decidere quando andare in Giappone, bisogna tenere conto di una varietà di cose.

Di per sè sarebbe un paese da visitare tutto l’anno.
Il Giappone si differenzia da altri paesi per il modo in cui rispetta i  cambiamenti delle stagioni. Ogni cambiamento ha le proprie feste e il proprio cibo. Dunque, quando andare è più una scelta personale.

Per quanto riguarda il clima, l’area del Giappone va da luoghi freddi gelidi come Hokkaido, al clima tropicale dell’arcipelago Okinawa.
Concentriamoci sull’area centrale (Tokyo, Kyoto).
L’inverno si fa freddo. Si parla di -1 a 7°. Per molte persone potrebbe essere un motivo per dire no, ma è eccezionale per gli sciatori ed è un periodo perfetto per provare le terme giapponesi: gli “Onsen”.

Stazione termale a MT Shirane, Giappone

L’estate invece tende ad essere molto calda e afosa.
Però è anche il periodo durante il quale si tengono più feste (“matsuri”) ed è dire tanto, considerando che il Giappone è uno dei paesi al mondo con più celebrazioni.
Oltre a quello, è il migliore per poter godere di spettacoli di fuochi d’artificio spettacolari.

Fuochi d'artificio in Giappone

Per molti il miglior periodo per visitare il Giappone, anche se il clima tende a oscillare tra due estremità, è la primavera.
Il principale motivo è il “sakura”, il famigerato periodo della fioritura dei ciliegi.

Si tratta di un fenomeno stupendo che travolge il paese intero e ha radici nella cultura del Giappone da millenni.
Per il popolo i fiori rosa dei ciliegi hanno vari significati, tra i quali un profondo apprezzamento per la natura fugace della vita.
Fioritura ciliegi Giappone

Simboleggia anche nuovi inizi.

Però per chi cerca relax c’è da stare attenti. E’ il periodo di turismo elevato, comparabile con le estati nei centri turistici europei.

L’autunno vi potrà sorprendere: le temperature variano dai 10 ai 20 gradi, con piogge moderate
E’ caratterizzato dal “Koyo” (Foglie Autunnali). I cambiamenti vivaci dei tanti colori delle piante rende i paesaggi armoniosi e affascinanti allo sguardo del visitatore.

I tanti colori dell'autunno in Giappone

Quando andare in Cuba, Islanda, Madagascar e Giappone. Vi abbiamo presentato quindi queste quattro destinazioni, tra quelle da noi consigliate, nel loro duplice aspetto climatico e culturale.
Se volete avere informazioni su altri paesi, fateci sapere nei commenti e faremo in modo di inserirli in un altro articolo.

 

Lascia un commento

Allowed Tags <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>